Il Condominio Pancalli /2

In osteria dalla Lina

 

Antica osteriaI compaesani era tutti dalla Lina ormai rosi dalla curiosità e distrutti dalle fantasie. La sala era piena di fumo denso, bicchieri sporchi e bottiglie vuote. I mezzadri entrarono senza dire una parola. Quelli seduti più vicini scattarono dalle sedie con un unico movimento per tirargli la giacchetta, battergli le spalle e guardarli per capire. Loro muti. Quelli rimasti seduti parlavano tra loro eccitati. Qualcuno dal fondo disse “Non hanno visto niente …”, qualcuno rideva. I quattro si guardarono e sorrisero; e allora tutti di nuovo addosso “Dite, dite … era bella e il rumore …”. Niente! A quei quattro non gli si toglieva una parola di bocca.

“Dategli da bere” disse Mario, il macellaio, “Vedrai che gli scioglie la lingua”. Loro bevvero tutto d’un fiato, e gli altri facevano compagnia. I bottiglioni di rosso andavano e venivano dalla cantina. La Lina sapeva come sarebbe andata a finire; segnava su un foglietto e poggiava la matita. Tutti parlavano ad alta voce e dicevano la loro. Qualcuno cominciò ad andarsene inforcando la bicicletta perdendosi nel buio della sera tarda. “Insomma! Volete dirci com’è questa a-u-t-o-m-o-b-i-l-e ?” disse Mario scandendo bene, lettera per lettera, perché non aveva dimestichezza con quella parola. Loro si guardarono, con il naso rosso per il vino, e appoggiandosi al bancone dissero “Rettangolare” e scoppiarono a ridere.

Tutti si alzarono imprecando; chi i comunisti, chi Nostro Signore; qualcuno tirò loro qualche sonoro scappelloto giù per la coppa, perché si era scherzato, ma quella notte se ne andarono con un sapore cattivo in bocca, perché erano uomini di terra e avevano voglia del sapore dolce dell’America.

Il Conte Emidio Pancalli fu il primo cittadino ad avere un’automobile e, stando alle cronache, forse uno dei primi italiani. Adesso l’unico suo ricordo è la targa brunita sul condominio che da lui prende il nome: Condominio Emidio Pancalli.

Articolo precedente
Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: